Record europeo

1° in Europa, tra categorie dilettantistiche e professionistiche, ad aver vinto 35 partite di campionato consecutive.

1° nei campionati dilettantistici in Italia ad aver vinto tutte le partite di Coppa Liguria per 3 stagioni di seguito.

1° nei campionati dilettantistici e professionistici in Italia ad aver vinto 39 partite consecutive in casa.

Classifica Europea

35 partite – Alassio Football Club 2016-2017
33 partite – Ponsacco 1920 2012-2013
29 partite – SL Benfica (Portogallo) 1971-73
28 partite – NK Dinamo Zagreb (Croazia) 2006-07
25 partite – Celtic FC (Scozia) 2003-04
25 partite – Dinamo Tirana (Albania) 1951–52
23 partite – Malmö (Svezia) 1949–50
22 partite – PSV Eindhoven (Olanda) 1987-88
22 – Käpäz (Azerbaijan) 1997–98
19 – Stella Rossa (Serbia) 2015*
19 – Bayern München (Germania) 2013–14
18 – FH (Islanda) 2004 – 05
17 – Olympiacos (Grecia) 2005 – 06, 2015 – 16*
17 – Steaua Bucuresti (Romania) 1988
17 – Dinamo Bucuresti (Romania) 1988
17 – Inter (Italia) 2006 – 07
16 – Valur Reykjavík (Islanda) 1978
16 – Barcellona (Spagna) 2010 – 11
16 – APOEL (Cipro) 2008-09
15 – Benfica (Portogallo) 1963
15 – Real Madrid (Spagna) 1960 – 61
15 – Sparta Praha Repubblica Ceca) 1999 – 2000
15 – Bangor City (Galles) 2010

 

Calcio, Alassio FC: Vincenzi commosso: “Siamo sul tetto d’Europa”
Anche una persona estremamente controllata come Fabrizio Vincenzi non ha saputo trattenere l’emozione una volta tagliato il record delle 34 vittorie consecutive.

15 gennaio 2017
DUE A ZERO ALL’ALTARESE, IL NUOVO RECORD EUROPEO DI VITTORIE CONSECUTIVE E’ SERVITO

Ora è ufficiale: non c’è squadra in Europa che abbia vinto più partite consecutivamente rispetto all’Alassio FC.

La società del presidente Fabrizio Vincenzi, nata appena tre anni fa, ha tagliato il traguardo delle 34 vittorie consecutive oggi pomeriggio a Noli, superando 2-0 l’Altarese con le reti di Brignoli e Montalto.

Un primato storico, che lancia i gialloneri sul tetto continentale dopo aver sorpassato definitivamente anche il Ponsacco, rimasto fermo a 33 successi di fila.

Ora non resta che capire se la striscia potrà trovare ulteriore seguito nelle prossime, rafforzando un record già fin da oggi difficilmente eguagliabile.

Simone Rossi, Assessore allo Sport e al Turismo del Comune di Alassio, si congratula con l’Alassio Football Club per aver raggiunto, con la vittoria contro l’Altarese, il record europeo di 34 vittorie consecutive.
“Congratulazioni all’Alassio FC a nome dell’Assessorato allo Sport e di tutta l’Amministrazione Comunale: siamo estremamente orgogliosi di voi e di questo risultato”, commenta Simone Rossi. “Oggi mi sono recato personalmente allo stadio per tifare per l’Alassio FC, che oggi è entrata nella storia, raggiungendo un record che mai nessuna squadra è riuscita a ottenere in tutta Europa”.

“Questo risultato per noi vale doppio, perché arriva proprio nell’anno in cui Alassio è Città Europea dello Sport. Complimenti ai giocatori, al mister, al Presidente, a tutta la dirigenza e allo staff dell’Alassio Football Club, per uno straordinario risultato che riempie di orgoglio tutta la Città”, conclude Simone Rossi, Assessore allo Sport del Comune di Alassio.

Di Latte esalta la forza del gruppo: “Abbiamo vissuto un romanzo calcistico, il merito è di questi uomini speciali”

L’orgoglio di Luca Grande: “La nostra impresa? Tanta roba”

15 gennaio 2016 Alassio FC sul tetto d’Europa, 34 vittorie consecutive, battuto il record del Ponsacco.

CHRISTIAN PANUCCI

COMPLIMENTI! SONO FELICE PER VOI…

STURARO: “Complimenti all’Alassio FC”.
Attraverso un post su Instagram, il centrocampista della Juventus Stefano Sturaro ha fatto i complimenti all’allenatore dell’Alassio Amedeo Di Latte per la prima parte di stagione: “Complimenti per la splendida stagione che state disputando….siete da esempio”.

Alassio – L’ Alassio Football Club, inarrestabile 34 vittorie di fila: è record europeo
Il club del presidente avv. Fabrizio Vincenzi sta scrivendo una pagina storica nel mondo calcistico

Noli – Trentaquattro vittorie consecutive in campionato. Mai, in tutti i campionati europei di ogni livello, una squadra di calcio era riuscita ad ottenere una serie positiva del genere.

Oggi ce l’ha fatta l’Alassio Football Club, vincendo 2 a 0 sul campo dell’Altarese. Le reti del successo giallonero sono state firmate da Brignoli su calcio di rigore e da Montalto.

Domenica scorsa gli alassini avevano eguagliato, con 33 successi, il record del Ponsacco, squadra toscana che lo scrisse nel 2014 tra Terza e Seconda Categoria.

Il club alassino, nato nell’estate del 2014, ha vinto nel 2015 il campionato di Terza Categoria e nel 2016 il campionato di Seconda Categoria. Ora è solitario al comando del girone A della Prima Categoria e, con ogni probabilità, tra alcune settimane festeggerà il salto in Promozione con largo anticipo.

Dal giorno della sua fondazione, avvenuta per mano del presidente Fabrizio Vincenzi, l’Alassio Football Club ottenne 22 vittorie consecutive, prima di perdere 2 a 1 sul campo della Nolese il 15 novembre 2015. Poi, le 34 vittorie.

In totale, quindi, i gialloneri hanno vinto 56 incontri su 57 giocati in campionato, cui si aggiungono i successi in Coppa Liguria. Lo scorso anno, vincendo 9 partite su 9, gli alassini conquistarono la Coppa Liguria di Seconda e Terza Categoria. Quest’anno, con 4 vittorie in altrettanti incontri, l’Alassio FC è entrato tra le prime sei in Coppa Liguria di Prima Categoria.

In sintesi, la squadra alassina ha vinto 69 partite sulle 70 ufficiali giocate nella sua storia. Tutte sotto la guida di Amedeo Di Latte, primo, e per ora unico, mister avuto dalla compagine giallonera.

Ironia della sorte, due coincidenze hanno caratterizzato questo record. Sette giorni fa l’Alassio FC ha vinto ad Albissola Marina mentre, a pochissimi chilometri di distanza, era in campo a Savona l’ex detentore del record, il Ponsacco. Oggi, a causa dell’indisponibilità del “Fornaciari” di Altare, i gialloneri hanno giocato al “Mazzucco” di Noli, campo sul quale subirono l’unica sconfitta della loro storia.

Simone Rossi, assessore allo sport e al turismo del Comune di Alassio, si congratula con l’Alassio Football Club per il traguardo raggiunto. “Congratulazioni all’Alassio FC a nome dell’assessorato allo sport e di tutta l’amministrazione comunale: siamo estremamente orgogliosi di voi e di questo risultato – commenta -. Oggi mi sono recato personalmente allo stadio per tifare per l’Alassio FC, che oggi è entrata nella storia, raggiungendo un record che mai nessuna squadra è riuscita a ottenere in tutta Europa”.

“Questo risultato per noi vale doppio, perché arriva proprio nell’anno in cui Alassio è Città Europea dello Sport. Complimenti ai giocatori, al mister, al presidente, a tutta la dirigenza e allo staff dell’Alassio Football Club – conclude Rossi -, per uno straordinario risultato che riempie di orgoglio tutta la città.

Al termine del campionato mancano ancora 14 incontri e, considerato il valore della formazione del presidente Vincenzi, è facile pronosticare che il record possa raggiungere un numero di incontri ancor più elevato.

Alassio, dica 33: scavalcato il “muretto”, record di vittorie consecutive in campionato
Luca Guerra — gennaio 10, 2017 Il Fatto Quotidiano

“Alla radice di tutto c’è che i ragazzini si devono divertire a giocare a calcio”. Ad accoglierti all’ingresso del sito ufficiale dell’Alassio Fc, formazione della Prima Categoria di calcio ligure, è una frase partorita da una delle più geniali menti che il dorato mondo del pallone abbia conosciuto, quella di Johan Cruijff. Chissà come si saranno divertiti i ragazzi allenati da mister Amedeo Di Latte, trascorsi nelle giovanili della Sampdoria da portiere e una vita spesa sui campi dilettantistici, quando al fischio finale della partita vinta domenica 8 gennaio ad Albissola contro il Santa Cecilia, firmata da Lupo, Montalto, Colli e Monteleone, hanno messo in cascina la trentatreesima vittoria consecutiva, eguagliando il record europeo di vittorie consecutive detenuto dal Ponsacco. Un sigillo sul calcio europeo, che pone la formazione di un comune di 10mila anime in provincia di Savona al di sopra di blasonate società come il Benfica, capace di vincere “solo” 29 partite nel massimo campionato portoghese.

Se stanno sognando, non svegliateli. E’ il messaggio recapitato ai media a chiare lettere dal presidente dell’Alassio, Fabrizio Vincenzi: “Sto vivendo uno dei momenti più belli della mia carriera. Non parlo esclusivamente del record in sè, ma soprattutto per il modo e per le persone con cui è arrivato” ha raccontato a margine dell’acquisizione del curioso primato, figlio della volontà di un gruppo di dilettanti, di giorno impiegati, liberi professionisti e seri lavoratori e di sera calciatori con la mente da professionisti sul campo di allenamento. “Sono davvero orgoglioso di questo gruppo – ha rincarato la dose Vincenzi- che, con merito, è riuscito a portare il nome di Alassio a livelli così elevati. Il primato assoluto? Di certo ci proveremo, arrivati a questo punto, senza alcun tipo di ansie, è giusto ambire alla 34° vittoria consecutiva“. L’Altarese, prossimo avversario domenica tra le mura amiche, è avvisata.

Ai piccoli grandi record, in fondo, ad Alassio ci stanno facendo il callo: i gialloneri sono anche la prima squadra nei campionati dilettantistici in Italia ad aver vinto tutte le partite di Coppa Liguria per due stagioni di seguito. Una scalata al “muretto”, quello reso famoso dalla vocazione turistica della città negli anni successivi alla seconda guerra mondiale, quelli della Dolce Vita. Nei primissimi anni cinquanta Alassio rappresentava infatti una delle capitali della vita mondana internazionale: grandi nomi del cinema e della cultura, spettacoli ed eventi ad ogni ora del giorno, bel mondo. Motivo principale di tutto questo il Caffè Roma, storico locale gestito dalla Famiglia Berrino, vero e proprio punto di incontro in cui era doveroso essere di casa se si apparteneva al jet set e si era in vacanza ad Alassio o in Riviera. Tra questi Ernest Hemingway: chissà se nel gruppo capitanato da Manuel Scaglione, lo scrittore statunitense avrebbe riscontrato la grace under pressure dei personaggi di indole stoica che hanno animato tanti dei suoi racconti e romanzi brevi. Di certo, vi avrebbe riscontrato goliardia: quella messa in campo dall’Alassio Fc a Natale, quando i componenti della rosa, capeggiati da mister Di Latte, hanno improvvisato una foto “speciale”, approfittando di una serata di relax vissuta in piscina, vestiti da pallanuotisti, dottori e infermieri per augurare ai propri tifosi buone feste.

Così, oggi, quel muretto di fronte al Caffè Roma, dove si possono contare circa 1000 piastrelle autografate da nomi che hanno fatto la storia (compresi quelli di Mina, Domenico Modugno, Mike Bongiorno, Fred Bongusto, Giampiero Boniperti, per citarne alcuni), si prepara ad accogliere quelli dei calciatori dell’Alassio Fc, dominatori del campionato con 45 punti e una vetta detenuta a +10 sulla seconda. Perché, come recita un’altra citazione di Luciano De Crescenzo contenuta nel sito ufficiale del club, “Quella del calcio è l’unica forma di amore eterno che esiste al mondo. Chi è tifoso di una squadra lo resterà per tutta la vita. Potrà cambiare moglie, amante e partito politico, ma mai la squadra del cuore”. Chiodo dopo chiodo, muretto dopo muretto.

http://www.rainews.it/dl/rainews/TGR/basic/PublishingBlock-e76ff69f-39a6-4e43-a

L’Eco delle vittorie consecutive si è sparso in tutto il Belpaese, tanto che l’Amministrazione Comunale alassina è pronta a celebrare gli uomini di mister Di Latte.

A confermarlo è lo stesso primo cittadino alassino, Enzo Canepa, e l’assessore allo sport, Simone Rossi.

“Ovviamente non può che farci piacere vedere il nome di Alassio affiancato a un record così importante – esordisce il Sindaco – non posso che augurare alla squadra di proseguire su questa rotta, unendo ai risultati della Prima Squadra una costante crescita del Settore Giovanile”.

Sulla stessa linea d’onda anche l’Assessore Rossi: “Domenica scorsa ero al campo di Noli e ho potuto toccare con mano l’entusiasmo e l’unione di questi ragazzi. E’ straordinario che una formazione dilettantistica sia riuscita a raggiungere un record di questa portata e l’Amministrazione non mancherà di onorare tutti questi ragazzi, capaci di ottenere un primato continentale di così ampia portata. Diciamo che – sorride Rossi – hanno battezzato al meglio il 2017, l’anno in cui Alassio è diventata Città Europea dello Sport: lo prendiamo come un bellissimo auspicio in vista dei prossimi 12 mesi”.